Borsellino: pm, Graviano pressò pulsante

"Abbiamo elementi oggettivi per dire che a premere il pulsante che fece deflagrare l'autobomba in via D'Amelio fu Giuseppe Graviano e che questo fosse appostato nel giardino dietro un muretto che si trova nella stessa via". Lo ha detto il pm Stefano Luciani durante la requisitoria nel quarto processo per l'attentato del 19 luglio '92 costato la vita a Paolo Borsellino e a cinque agenti di scorta, che vede imputati Salvo Madonia e Vittorio Tutino per strage e Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci per calunnia. "In questo processo - ha proseguito - non abbiamo elementi per sostenere che l'esplosione dell'ordigno in via D'Amelio sia stata innescata da qualcuno che si trovava al castello Utveggio e nemmeno che il congegno potesse essere stato installato nel citofono dell'abitazione dei familiari di Borsellino. Non abbiamo raccolto elementi per sostenere che negli uffici del Cerisdi ci fossero alcuni degli appartenenti al Sisde indicati da Gioacchino Genchi".

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sicilia: Cesi Mons. Gristina rieletto presidente, vice Mons. Pennisi
    La Gazzetta Ennese
  2. Enna: Dipietro 'Ricordo ai consiglieri del Pd che non avete avuto il simbolo'
    La Gazzetta Ennese
  3. Sicilia: vescovi appello per una competizione elettorale 'corretta e leale'
    La Gazzetta Ennese
  4. ENNA: LA GUARDIA DI FINANZA CELEBRA LA RICORRENZA DI SAN MATTEO, PATRONO DEL CORPO.
    EnnaPress.it
  5. UN FUTURO SENZA SMA? BASTA UN SMS AL NUMERO SOLIDALE 45521 L'APPELLO DI CHECCO ZALONE: #FACCIAMOLOTUTTI
    EnnaPress.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Enna

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...